X

La Calabria Meravigliosa

08/15 Ottobre

Image
Image
Image

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 970
il viaggio sarà effettuato con un minimo di 22 pax

La quota comprende :
- Viaggio in pullman pullman 40 posti - 3 pranzi, tutte le cene e le prime colazioni - Bevande acqua ½ e ¼ vino, - Le guide per 5 giorni full day e guida di Paestum - Assicurazione medica base
La quota non comprende :
- Dall'importo è escluso l'assicurazione annullamento non obbligatoria (59,00 euro) - Gli ingressi ai musei/siti archeologici ammontanti a circa 50,00 euro - Le mance l Tutto quanto non riportato nella quota comprende.

Supplemento singola 110 euro.

Proviamo a ripartire riproponendo questo viaggio, già programmato a giugno. Andremo a conoscere i paesi della Magna Grecia, poi dominati dai romani e conosceremo una comunità Albanese. Gli albanesi si stabilirono in Italia meridionale e insulare tra i secoli XV e XVIII , in seguito alla morte dell'eroe albanese Giorgio Castriota Scanderberg .
Si stima che oggi gli albanesi d'Italia siano circa 100mila e costituiscono una delle maggiori tra le storiche minoranze etno- linguistiche. Fanno capo a due eparchie, una in Calabria ( Lungro) e l'altra in Sicilia (Piana degli Albanesi a Palermo). Mantengono le loro tradizioni, sia religiose che di costumi, di cui ne vanno fieri e dal 1999 l'albanese è tra le lingue riconosciute e tutelate in Italia.

- Venerdì 8 - Viaggio in pullman 40 posti. Ritrovo a Firenze nord e successivamente zona sud, in orario che verrà comunicato successivamente. Sosta lungo il percorso per il pranzo libero; Arrivo a Paestum, dover ceneremo e pernotteremo all'agriturismo Seliano (da noi conosciuto per una gita nel 2012).
- Sabato 9 - Dopo la prima colazione visita guidata del sito archeologico di Paestum; pranzo all'agriturismo Seliano e arrivo a Castrovillari. Cena e pernottamento.
- Domenica 10 - Dopo la prima colazione partenza per Lungro, piccolo comune a mt . 600 slm sulle pendici nord-orentali del monte Pellegrino. Deve forse l'origine del suo nome al una colonia di Ungari assoldati dai Bizantini contro i Longobardi; fu ripopolato tra il 1478 e il 1501 dagli Albanesi che tuttora lo chiamano Ungr. Visita del paese e della cattedrale San Nicola di Mira, sede dell'Eparchia degli italo-albanesi dell'Italia continentale, ricca di mosaici ed icone; parteciperemo alla celebrazione della Messa in rito greco-bizantino. Se è possibile avremo un incontro con il papa's (Eparca).
Sosta pranzo in corso del trasferimento ad Altomonte, “ isola del trecento toscano” che fa parte dei borghi più belli d'Italia.Visiteremo la chiesa di Santa Maria della Consolazione e l'attiguo Museo Civico che conserva opere di Simone Martini, Bernardo Daddi .
Passeggiando si ha la possibilità di vedere il Castello Normanno dall'esterno, interamente rimaneggiato ed oggi sede alberghiera.
Se avremo tempo visiteremo un'azienda che da quattro generazioni lavora l'argilla.
Rientro a Castrovillari per la cena e pernottamento.
- Lunedì 11 - dopo la prima colazione andremo a Civita, comunità di etnia arberesche ricca di tradizioni e storia. Case Kodra,( tipiche casette da poco battezzate Case Kodra, in memoria dell'artista albanese Ibrahim Kodra, che le ritrasse riconoscendo in esse elementi delle sue pitture),comignoli, vista del ponte Canyon del Raganello. Sosta a Frascineto per la visita del Museo delle icone bizantine. Pranzo libero a Morano Calabro e successivamente visita ai beni culturali del borgo.
Definito il “presepe di Calabria” si annovera tra i Borghi più belli d'Italia e custodisce la Bandiera Arancione.
Se avremo tempo visiteremo il Museo Gagini Bernini Vivarini che conserva importanti opere d'arte quali le statue marmoree di Pietro Bernini e Antonio Gagini e le tele di Cristoforo Roncalli, detto il Pomarancio.
Cena e pernottamento a Castrovillari.
- Martedì 12 - dopo la prima colazione partenza per la Piana di Sibari, visita del Parco e del Museo Archeologico della Sibaritide. Sosta pranzo libero. Nel pomeriggio raggiungeremo Rossano Calabro, che conserva in Codex Purpureus Rossanensis ( patrimonio Unesco del VI secolo ), contenente un evangelario con testi di Matteo e Marco. Questo piccolo paese conserva opere antiche risalenti ai greci colonizzatori.
Visiteremo inoltre il Museo della liquirizia Amarelli (definita dall'Università Britannica la più buona al mondo). Rientro a Castrovillari per la cena e pernottamento.
- Mercoledì 13 - Dopo la prima colazione partenza per Cosenza e incontro con la guida e full day alla scoperta della città di Alarico.
Città di origini antiche, ponte fra oriente e occidente, visiteremo il quartiere antico con le chiese più importanti e il Duomo, costruito in forme romaniche verso la metà del sec. XII e in parte rifatto dopo il 1184 in seguito di un terremoto. Rimaneggiato nei secoli successivi, nel 195 fu liberato dalle decorazioni barocche restituendo alla facciata l'aspetto originale. All'interno si trova la tomba di Isabella d'Aragona moglie di Filippo III, re di Francia, morta a Cosenza nel 1271.
Pranzo libero.Cena e pernottamento a Cosenza.
- Giovedì 14 - Dopo la prima colazione partenza per Santa Severina, nella provincia di Crotone. Si ammirerà la cattedrale, l'antico battistero, unico rimasto quasi intatto in Calabria e il castello edificato nel periodo bizantino. Sosta pranzo libero. Nel pomeriggio partenza per San Giovanni in Fiore, comune del versante ionico della Sila Grande nell'alta valle del Neto in provincia di Cosenza a mt. 1049 slm . La cittadina è legata alla figura dell'abate Gioacchino da Fiore, monaco esegeta del XII secolo che qui fondò il monastero di San Giovanni in Fiore e la Congregazione florense .
Gioacchino ha lasciato un compendio con illustrazioni esplicative coeve, noto come Liber Figurarum che è la più bella ed importante raccolta di teologia figurale e simbolica del Medio Evo.
E' presente un Centro Studi Giochimiti e oggi ci sono studi sull'influenza di Gioacchino da Fiore su Dante Alighieri, che il Poeta cita nel Canto XII (139-141) del Paradiso”…e lucemi da lato il calavrese abate Giovacchino di spirito profetico dotato”.
Nel giugno 2019 presso l'Accademia delle Arti e del Disegno di Firenze c'è stato un convegno su “ L'età dello spirito Dante Alighieri Gioacchino da Fiore”.
I lavori dell'abbazia Florense iniziarono nel 1214, dopo la morte di Gioacchino e nonostante molti rimaneggiamenti conserva l'austerità dello stile romanico. Sulla facciata presenta un portale in stile gotico con capitelli databili intorno al 1220. La cripta custodisce l'urna con le spoglie di Gioacchino.
Rientro a Cosenza per la cena e pernottamento.

- Venerdì 15 - partenza per Firenze. Sosta pranzo lungo il percorso.

 

La quota comprende :
- Viaggio in pullman pullman 40 posti - 3 pranzi, tutte le cene e le prime colazioni - Bevande acqua ½ e ¼ vino, - Le guide per 5 giorni full day e guida di Paestum - Assicurazione medica base
La quota non comprende :
- Dall'importo è escluso l'assicurazione annullamento non obbligatoria (59,00 euro) - Gli ingressi ai musei/siti archeologici ammontanti a circa 50,00 euro - Le mance l Tutto quanto non riportato nella quota comprende.

Supplemento singola 110 euro.

PER PARTECIPARE ALLA GITA E' NECESSARIO AVER COMPLETATO IL CICLO DI VACCINAZIONE E PRESENTARE IL GREEN PASS

L’intero viaggio compreso il tragitto in pullman avrà norme anti-covid con distanziamenti e tutti i protocolli necessari per la miglior sicurezza possibile.



Organizzazione Tecnica : Certosa Viaggi srl
*** Attenzione ! - tutte le foto inserite sono di produzione propria ***

Prenota e paga comodamente on line con la tua carta

Image